Virtus Roma-Pistoia, dichiarazioni Carrea e Bucchi

Virtus Roma-Pistoia, dichiarazioni Carrea e Bucchi

Foto di Luciano Sacchini

LBA SERIE A VIRTUS ROMA ORIORA PISTOIA 80-81

Settima sconfitta consecutiva da una parte e ritorno alla vittoria in trasferta che mancava da aprile 2019 dall’altra. Il commento del tecnico di Pistoia Michele Carrea e quello della Virtus Roma Piero Bucchi.

Michele CARREA (Pistoia)

Sulla partita
Da un punto di vista tecnico ed emotivo due partite. Questa era difficile da approcciare, l’ambiente aveva dato un peso importante e l’avevamo sentito alle nostre spalle. In trasferta avevamo sempre sofferto, tecnicamente partita difficile, giocare contro una squadra che dispone di un lungo come Davon Jefferson, con noi che eravamo senza Landi, credo che a un certo punto giustamente Bucchi lo abbia anche letto perché ha giocato tanto con due numeri 5 e ne avevamo uno solo noi. Abbiamo giocato due quarti in trasferta con la solita sensazione a perdere, nell’intervallo però abbiamo prodotto quella reazione, che ci ha permesso di portare a casa due punti importanti e meritati. I ragazzi hanno prodotto un extra sforzo, viste le tanti difficoltà, in termini di numeri, di qualità e faccio quindi i complimenti ai ragazzi. Penso che la stagione è lunga, l’obiettivo è ancora più reale.

Sui ragazzi
Ciascuno di noi, dentro i limiti, abbiamo provato a regalare a questa società, a questa gente, a questa società, un percorso di questa … La strada è lunga e tortuosa ma bisogna sottolineare che l’ennesimo approccio soft in trasferta, oggi l’abbiamo risanato.

Cosa significava Kobe per la pallacanestro italiana?
Quello che significava lo stanno raccontando le iniziative in tutti i campi, la vicinanza della gente. Per quanto riguarda me rappresentava un modello di etica del lavoro, di gusto del gioco, di passione per lo sport, per il gioco, per la competizione, penso che questa è la cosa più preziosa da tenersi.

Piero BUCCHI (Virtus Roma)

Sulla partita
Ci è mancata la forza di dare una spallata decisiva verso il finale della partita. Arrivando nel finale la tensione è aumentata e gli episodi hanno pesato. Voglio rivedere il fallo da tre punti di Davon su Petteway. Dopodiché gli episodi ci hanno condannato. Dovevamo riuscire a dare una spallata prima ma non ci siamo riusciti.

Su Alibegovic e Dyson
Alibegovic ha preso una botta. Su Dyson forse un po’ di tensione. Jerome ha fatto una grossa difesa, si è molto sacrificato su Petteway e per larghi tratti è riuscito a contenerlo, però l’ha voluto prendere lui. In assoluto dovevamo riuscire a dare una spallata un po’ prima della fine, anche per bravura loro. Purtroppo la palla decisiva è finita a loro ed era una palla vagante.

Altre volte dopo le sconfitte più pesanti parlavi del lavoro in palestra, che nel primo tempo si è visto. Forse più problema mentale.
Concorsdo, anche dalla panchina hanno fatto un buon lavoro. Loro piano piano sono rientrati ed è subentrato il nervosismo. La spallata sarebbe stata decisiva e un po’ di tensione ci ha bloccato.

E’ azzardato dire che il credito di Dyson è finito
Leggila come vuoi, ha sbagliato tanto in attaco, ma in difesa ha giocato bene.

Jefferson nel secondo tempo è scomparso, facendo dei falli un po’ ingenui.
Nel secondo tempo lo hanno raddoppiato di più e abbiamo trovato i canestri di Kyzlink e Buford.

Cosa significava Kobe per la pallacanestro italiana?
E’ cresciuto qui, il suo attaccamento l’ha dimostrato. E’ triste parlare di questo, il ricordo degli anni belli dell’adolescenza qui, cresci e condividi tante cose. Ha trascorso anni belli.

Michele Spuri

Direttore responsabile SportCorner.net. Nato a Roma, classe '92, sin da piccolo ha la passione per lo sport (calcio e tennis in primis). Si cimenta nei suoi primi articoli creando un piccolo blog, prima di entrare a far parte di alcune redazioni di testate giornalistiche. Laureato in 'Scienze della Comunicazione' e 'Informazione, Editoria e Giornalismo'. Giornalista pubblicista | Speaker radiofonico | Radiocronista Virtus Roma | Inviato Giro d'Italia | Inviato Internazionali d'Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *