Qualificazioni Qatar 2022: Turchia vs Olanda 4-2

Qualificazioni Qatar 2022: Turchia vs Olanda 4-2

fonte foto: Twitter @BizimÇocuklar

Nella prima partita delle qualificazioni a Qatar 2022 per la zona Uefa si registra subito una grande sorpresa. Alle ore 18 si sono sfidate Turchia e Olanda, con la vittoria dei padroni di casa per 4-2. I medio-orientali scappano così al primo posto del girone. I turchi rifilano quattro gol ai favoriti per il primo posto e lanciano un forte segnale anche alla Norvegia.

Primo Tempo Turchia vs Olanda:

La partita parte piano, con le due squadre che si studiano per i primi minuti. Ma al quindicesimo i padroni di casa partono in contropiede, Çalhanoğlu serve Burak Yilmaz che da fuori area lascia partire un tiro non irresistibile che si insacca dopo la deviazione di Matthijs de Ligt. L’Olanda prova a reagire ma è una reazione sterile che frutta solo un tiro di Donyell Malen parato dal portiere turco. Lo stesso Malen si rende protagonista dell’intervento che spiana la strada ai turchi. Una trattenuta vistosa su Okay Yokuslu porta a un calcio di rigore che ancora Burak Yilmaz realizza, spiazzando poi uno specialista come Tim Krul. Allo scoccare del 45esimo: calcio d’angolo per l’Olanda, De Ligt stacca di testa, colpisce il palo e segna, prima che Okay Yokuslu spazzi via. L’arbitro non convalida il gol perché secondo lui il pallone non è entrato, nelle qualificazioni non ci sono né il Var né la Gol Line Technology e quindi la decisione dell’arbitro rimane. Si va al riposo con la Turchia avanti 2-0.

Secondo tempo Turchia vs Olanda:

Dopo 30 secondi dal via, destro di Hakan Çalhanoğlu che coglie di sorpresa Krul. 3-0 per la Turchia. L’Olanda continua a non riuscire a giocare come dovrebbe. Si sveglia solamente di colpo quando al 75esimo un cross dalla sinistra di Depay viene arpionato da Davy Klaassen che si gira alla grande e di sinistro fulmina il portiere avversario, 3-1. Passa un minuto e un altro cross dalla sinistra viene risolto fortunosamente in mischia dal subentrato Luuk de Jong su un’uscita sbagliata da parte del portiere turco, 3-2. L’Olanda si riversa in avanti, la Turchia sembra alle corde. All’81esimo i padroni di casa riescono ad affacciarsi nella metà campo avversaria, Wijnaldum compie un fallo evitabile su Taylan Antalyali, punizione dal limite dell’area che ancora Burak Yilmaz realizza con una parabola splendida che si insacca nel sette alla destra di Krul. L’attaccante turco realizza la prima tripletta con la maglia della nazionale a 35 anni. L’Olanda si ributta avanti con la forza della disperazione. Al terzo minuto di recupero, l’arbitro inglese Oliver fischia un rigore per gli orange per un fallo di Ozan Kabak su De Ligt. Sul dischetto Memphis Depay si fa ipnotizzare da Uğurcan Çakır che para il penalty e si riscatta per l’errore sul secondo gol olandese. La sfida finisce trenta secondi dopo.

Considerazioni

L’Olanda deve assolutamente ripensare al fatto che si è presentata in campo sì con buoni giocatori, ma senza avergli dato una coralità e un gioco, ma soprattutto aver giocato per un’ora completamente senza intensità. Invece, tanto di cappello alla Turchia che ha disputato una partita di vero cuore e intensità sfruttando tutte le occasioni concesse dagli olandesi. Migliore in campo nettamente Burak Yilmaz, peggiori in campo: Krul, Tete e Wijnaldum.

Qatar 2022: se le qualificazioni partono così, non vediamo l’ora di scoprire il resto!

Giorgio Paoletti