La rinascita di Nainggolan

La rinascita di Nainggolan

fonte foto: Twitter @CagliariCalcio

Il week end passato ci ha regalato una grande sorpresa ed un ritorno importante. E’ il Cagliari, la squadra sarda da anni non viaggiava così in alto in classifica.  I rosso blu sono quinti, dietro solo alle 4 squadre che disputano la Champions League. La squadra di Maran inoltre ha vinto 3 delle ultime 5 partite e pareggiato le altre. Oltre ad essere una delle squadre più in forma è anche una delle squadre più solide e difficili da affrontare.

Il Mercato

La società di Giulini, ormai da anni si muove in modo ottimo sul mercato. Ma quest anno il DS Carli si è davvero superato. A centrocampo sono arrivati dei giocatori di fama internazionale come Nainggolan, Rog e gli uruguayani Nandez ed Oliva. I primi due sono una vecchia conoscenza del calcio italiano. Nandez invece era un totem del futbol sud americano e si sta imponendo come uno dei migliori centrocampisti per media voto della Serie A. In attacco è arrivato il Cholito Simeone, che finalmente potrà giocare nel suo vero ruolo (punta di movimento e non centroavanti statico), come mai aveva potuto fare a Firenze, dove da solo doveva gestire tutto l’attacco Viola. Essere affiancato a Pavoletti potrebbe rilanciarlo come uno dei migliori giovani in Italia. In difesa sono arrivati un terzino d’esperienza come Cacciatore ed è tornato Pellegrini, in prestito dalla Juventus, ancora una grande mossa di mercato di Carli. Infine dopo l’infortunio di Cragno si è arrivati ad un portiere di fama internazionale, che ha bisogno di rilanciarsi come Olsen e che effettivamente a Cagliari sta riuscendo nel suo intento.

Il gioco di Maran

Con questi presupposti tutto era nelle mani di Maran. Un allenatore più volte apprezzato per il suo modo di far giocare le squadre e che ha continuato con il suo progetto. Il Cagliari gioca con il 4-3-1-2, che non sempre ha avuto fortuna in Italia, per esempio di recente Giampaolo al Milan ha avuto grandi difficoltà a guidare i rosso neri, impostando questo come schema principale. In Sardegna però ogni giocatore ha sposato l’idea del proprio allenatore ed il vedere la squadra così in alto in classifica non può che spronarla a fare ancora di più.

La rinascita di Nainggolan

Ed ora veniamo alla nota più positiva di questo Cagliari, in termini romantici, sia dentro che fuori dal campo. Il ritorno ad alti livelli di Radja Nainggolan, il belga di origini indonesiane si stava un pò perdendo. Prima era uscito fuori dal giro della nazionale (non convocato per i mondiali russi), poi le vicende extra calcistiche a Roma, avevano portato la società capitolina a cedere il mediano all’Inter. A Milano sembrava che con la guida di Spalletti potessimo tornare a vedere il miglior Nainggolan, ma così non è stato. Anzi spesso quando i nero azzurri arrancavano, si è data la colpa di questo trend negativo proprio al belga. In estate con l’arrivo di Conte, la società di Zhang ha proprio scaricato Nainggolan. Non bastassero le brutte notizie dal campo, il centrocampista scoprì che la moglie si era ammalata gravemente. Radja ha così fatto una scelta di cuore, rinunciare ai milioni cinesi, per tornare a Cagliari, una delle sue prime case calcistiche, per rilanciarsi e stare vicino al suo amore Claudia. E così si sta riprendendo il posto che si merita e che stava rischiando di perdere.

admin

Lascia un commento