GP Imola: Verstappen c’è, Hamilton intramontabile, Norris on fire

GP Imola: Verstappen c’è, Hamilton intramontabile, Norris on fire

Fonte foto: Twitter @F1

Si è concluso l’incredibile GP di Imola che ha visto trionfare la Red Bull di Max Verstappen, seguito da “The Hammer” Lewis Hamilton e la rivelazione, targata McLaren, Lando Norris.

Max risponde presente

Consapevole del proprio talento e della propria forza, il pilota olandese Max Verstappen ha tagliato per primo il traguardo costruendosi la propria vittoria sin dalla partenza.

Scattato dalla terza posizione, al via Max prende la scia di Hamilton, gli si affianca e al Tamburello lo passa con forza fino ad ottenere nei giri seguenti un gap importante grazie alla giusta finestra di funzionamento delle gomme intermedie. Ottimi i meccanici della Red Bull durante il pit-stop. Dopo il crash al giro 34 fra Russell e Bottas, al rientro dalla bandiera rossa Verstappen commette un piccolo errore: finisce nell’erba ma recupera tempestivamente prima che Leclerc potesse approfittarne.

Dalla ripartenza in poi, per Max è strada libera che riaggancia così la testa della classica piloti.

La remuntada di Lewis

Il pluricampione britannico salva un weekend difficile per sé e per la Mercedes. La pioggia caduta prima del GP ha influenzato gran parte della gara sin dalla partenza. Al pronti via, le intermedie di Lewis non riescono ad entrare in temperatura e al Tamburello viene infilato da Verstappen che tenta la fuga.

Alla Tosa, durante il Lap 31 Hamilton, per non perdere di vista Max, tenta il sorpasso sul doppiato Russell ma finisce contro le barriere rischiando di insabbiarsi e di lasciare punti importanti in classifica. Poco dopo, aiutato dalla bandiera rossa causata dall’incidente fra Bottas e Russell, con una manovra in retromarcia, Lewis si rimette in pista e torna ai box per sostituire l’ala danneggiata e per sdoppiarsi.

Alla ripartenza è “Hammer Time“. Lewis risale dall’ottava alla seconda posizione, tenendo viva la lotta e la competitività con la Red Bull, cosa che il compagno Bottas non è riuscito a fare.

Super Norris

Lando Norris non è più una sorpresa. Sabato, durante le qualifiche, il giovane pilota della McLaren non ha ottenuto il secondo miglior tempo per aver sforato i track limits: episodio che gli ha permesso di partire solamente dalla settima casella in griglia.

Domenica, durante la gara, Lando ha fornito una prestazione mostruosa, ottimo passo gara, velocità sia sul rettilineo sia in curva che non ha permesso alla Ferrari di Charles Leclerc di tenerlo a bada dopo la Safety Car e di riprenderlo prima della fine della gara.

Matteo Trubia

Nato in provincia di Torino, classe 2001. Diplomato in Informatica, attualmente studente universitario di Economia Aziendale. Appassionato di giornalismo sportivo e amante dello sport, in particolar modo del calcio nazionale e internazionale e della Formula1.