Giro d’Italia 2019, tappa 10: Demare trionfa, Viviani ancora beffato

Giro d’Italia 2019, tappa 10: Demare trionfa, Viviani ancora beffato

fonte foto: Twitter @GirodItalia

RISULTATI GIRO D’ITALIA 2019 TAPPA 10 – La decima tappa dell’edizione 2019 del Giro d’Italia va ad Arnaud Demare, che in volata ha battuto e beffato Elia Viviani. L’azzurro ancora una volta resta a secco di vittorie in questa corsa rosa. Nel 200 metri finali brutta caduta per diversi corridori, tra i quali anche il grande favorito di tappa, Pascal Ackermann, coinvolto proprio nella caduta, per lui molte vistose escoriazioni nelle varie parti del corpo. L’ultimo velocista francese a vincere al Giro era stato Nacer Bouhanni nel 2014.

Rimane in Maglia Rosa Valerio Conti. Domani l’undicesima tappa, da Carpi a Novi Ligure, di 221 km, anche questa piatta senza salite, con al termine l’attraversamento della Pianura Padana.

Le dichiarazioni

Arnaud Demare alla Rai: “Abbiamo una squadra molto forte e ho avuto un momento di mancamento, però verso la fine abbiamo corso veramente tanto. Se bisogna piazzarsi davanti e mettersi in seconda posizione, è una posizione brutta. Domani avremo un’altra possibilità, mi sento libero adesso”.

Gavia a rischio

Intanto da segnalare come il direttore del Giro, Mauro Vegni, ha parlato ai microfoni dell’Ansa: “Ad oggi abbiamo il 60% di possibilità di poter fare il Gavia. Se il meteo di questi giorni sarà favorevole siamo certi che la tappa rimarrà invariata. Se così non fosse abbiamo un percorso alternativo che non prevede il doppio Mortirolo”.

Michele Spuri

Direttore responsabile SportCorner.net. Nato a Roma, classe '92, sin da piccolo ha la passione per lo sport (calcio e tennis in primis). Si cimenta nei suoi primi articoli creando un piccolo blog, prima di entrare a far parte di alcune redazioni di testate giornalistiche. Laureato in 'Scienze della Comunicazione' e 'Informazione, Editoria e Giornalismo'. Giornalista pubblicista | Speaker radiofonico | (Ex) Radiocronista Virtus Roma | Inviato Giro d'Italia | Inviato Internazionali d'Italia

Lascia un commento