Cinque motivi per rivedere la partita tra San Antonio Spurs e Toronto Raptors

Cinque motivi per rivedere la partita tra San Antonio Spurs e Toronto Raptors

Prima della scorsa estate nessuno avrebbe potuto pronosticare uno scambio tra DeMar DeRozan, guardia e punto di riferimento dei Raptors e Kawhi Anthony Leonard, ala piccola dei San Antonio Spurs. La scorsa notte, in casa degli Spurs, ci sono stati almeno cinque buonissimi motivi per poter ricordare questa sfida come una delle più emozionanti partite del 2018.

1. LA RIVINCITA DI DEROZAN

La dirigenza dei Raptors aveva riconfermato DeMar nel giugno del 2018 accontentando il ragazzo legato molto alla città di Toronto. Solamente un mese dopo fu costretto a lasciare la sua squadra a causa di una trade ed un tradimento inaspettato. Il 3 gennaio 2019, contro la sua ex squadra, si è preso la rivincita concludendo il match con la prima tripla doppia in carriera. (21 punti, 14 rimbalzi e 11 assist). COMMOVENTE

2. IL RAPPORTO TRA LEONARD E I TIFOSI DEGLI SPURS

Kawhi Anthony Leonard, ad ogni tocco di palla, ha ricevuto una bordata di fischi. Forse, i suoi ex tifosi non hanno dimenticato quando Leonard si rifiutò di giocare a causa di un infortunio diagnosticato solamente dal suo medico personale e non dal medico degli Spurs. RINNEGATO

3. SORPRESA SPURS

Questa partita è stata la conferma che i San Antonio Spurs sono tornati. Le ultime tre vittorie rispettivamente contro Clippers, Boston e Toronto hanno messo in mostra un DeRozan fenomenale ed una squadra che più volte è arrivata a canestro senza far rimbalzare MAI il pallone a terra. QUALITÀ

4. UNA SFIDA PLAYOFF

Sentendo il pubblico di casa sembrava di stare a guardare una sfida fondamentale per la stagione di entrambe le squadre. Sarà il ritorno del traditore Leonard a San Antonio ma l’AT&T Center ha tifato, cantato e “gufato” come se si stessero vivendo gli anni d’oro del 2013. INCANDESCENTE

5. IL BELINELLI

Seguire Marco nelle sue esperienze Nba è sempre molto bello. Da vero “anziano” del gruppo si è messo a disposizione per metà partita segnando 12 punti e confermando una buona media. Rimane il fatto che può e deve fare meglio, sopratutto con i tiri da 3 punti (1/6 a segno). LEADER

Insomma, è stata una notte speciale in cui gli Spurs si sono imposti 125 a 107. Un vero e proprio successo di Coach Popovich che adesso si può coccolare un DeRozan straripante.

fonte foto: Twitter @Spurs

Gianmarco Vocalelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *