Calcio femminile, svolta storica: si passa al professionismo

Calcio femminile, svolta storica: si passa al professionismo

fonte foto: Twitter @lindipende

SVOLTA STORICA – Dopo anni di battaglie il calcio femminile passa al professionismo. Ieri, il Consiglio federale della FIGC ha completato le pratiche (iniziate nel 2020) e ha ufficializzato che dalla stagione 2022/2023 anche le donne nella massima serie del calcio saranno considerate delle professioniste. Cosa comporta questa decisione?

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI Instagram e Telegram | ISCRIVITI al nostro canale TWITCH

Nel nostro paese gli unici sport che possono contare su un riconoscimento professionistico sono il calcio, il pugilato, il ciclismo, il motociclismo, il golf e la pallacanestro. Però, non in tutte le serie di questi sport viene automaticamente riconosciuto il professionismo. Nel calcio maschile, ad esempio, l’atleta viene considerato professionista solamente dalla categoria “Lega Pro” (la vecchia Serie C). Nel femminile, fino a quest’anno, neanche la Serie A rientrava tra le serie professionistiche. Dal prossimo anno, finalmente, anche le donne potranno avere le tutele previdenziali e assistenziali che sono previste per un atleta professionista.

La conquista più importante è quella di poter versare i contributi previdenziali, l’irpef e i contributi per il fondo fine carriera, vedendo quindi riconosciuta anche una pensione e la maternità.  Altra novità è il minimo salariale fissato a € 26.000,00 lordi.

REBUS

Sicuramente questa novità comporta dei cambiamenti anche all’interno delle stesse società che dovranno sostenere i costi delle atlete. Tuttavia, le squadre femminili più importanti rappresentano le società di calcio che, anche nel campo maschile, godono di incassi importanti per far fronte a queste spese. Ricordiamo infatti che il passaggio al professionismo non comporta, automaticamente, un salario uguale a quello degli uomini. Di questo, però, ne parleremo più avanti con un approfondimento di SportCorner sui numeri del calcio maschile e di quello femminile.

NUOVO RECORD

C’è da evidenziare che la notizia, purtroppo, non è stata riportata nella prima pagina cartacea di nessuna testata giornalistica importante ed è diventata virale solo grazie ai social. Intanto a Barcellona, questa settimana, si è raggiunto il record di spettatori per una partita di calcio categoria donne. Gli spettatori che hanno assistito alla partita di Champions femminile tra il Futbol Club Barcelona e il Wolfsburg (vinta 5 a 1 dalla squadra di casa) sono stati 91.648.

Gianmarco Vocalelli