Juan Martin Del Potro lascia in lacrime | Il pubblico gli regala cori e standing ovation

Juan Martin Del Potro lascia in lacrime | Il pubblico gli regala cori e standing ovation

fonte foto: Twitter @ArgentinaOpen

L’ultima partita, forse no. Solamente il tempo, ma soprattutto le prossime ore, diranno a Juan Martin del Potro quale sarà il suo futuro. Il gigante di Tandil davanti al tutto esaurito sul campo centrale dell’ATP di Buenos Aires (Argentina Open), ha commosso tutti i presenti, compreso lui stesso, quando sotto di un set, 3-5 Delbonis nel secondo set e sul proprio turno di battura è scoppiato in lacrime.

Delpo non è riuscito a trattanere le sue sensazioni. Da una parte ciò che la testa vorrebbe, cioè proseguire sul circuito, ma dall’altra il fisico che non gli permette di andare avanti. L’argentino è arrivato alla conclusione che pur di non soffrire è disposto ad appendere la racchetta al chiodo. Il ginocchio continua a dargli fastidio, anche quando è steso sul letto.

Del Potro saluta?

La situazione, purtroppo, non è più sostenibile per lui che adesso vuole solo far riposare il suo fisico. La partita di ieri non è stata una partita, è stato un allenamento a porte aperte, un tributo a ‘Palito’ andava concesso, un ultimo saluto di tutti era dovuto. Ieri nelle palle corte (stronzette, possiamo aggiungere, ndr) di Federico Delbonis, Del Potro non ci ha nemmeno provato. Il suo dritto non è più così dominante. C’era da aspettarselo, ma la domanda sorge spontanea: alla soglia dei 34 anni, vale la pena ancora sforzare il fisico per attendere ancora mesi e mesi prima di poter tornare in forma? Probababilmente la risposta è no.

Adesso lasciamo spazio ai messaggi di affetto, di tutti gli addetti ai lavori, delle leggende, dei suoi (ex) avversari, dei suoi tifosi, di chiunque abbia un messaggio per Delpo. E’ arrivato il momento dei saluti, e Del Potro lascia a testa altissima, non poteva lasciare con un semplice messaggio social, lascia appendendo la sua fascia da tennis sulla rete del torneo 250 di Buenos Aires, davanti al suo pubblico, nella sua nazione.

In bocca al lupo e buona fortuna per tutto Delpo!

NB: sarà solamente lui a decidere se accettare la Wild Card che gli è stata concessa dagli organizzatori del torneo di Rio de Janeiro.

Michele Spuri

Michele Spuri

Direttore responsabile SportCorner.net. Nato a Roma, classe '92, sin da piccolo ha la passione per lo sport (calcio e tennis in primis). Si cimenta nei suoi primi articoli creando un piccolo blog, prima di entrare a far parte di alcune redazioni di testate giornalistiche. Laureato in 'Scienze della Comunicazione' e 'Informazione, Editoria e Giornalismo'. Giornalista pubblicista | Speaker radiofonico | (Ex) Radiocronista Virtus Roma | Inviato Giro d'Italia | Inviato Internazionali d'Italia